Presentazione: Think Tanks in Italia

0

Cosa sono i think tank? Di cosa si occupano e quali compiti svolgono in Italia? Eccovi una breve panoramica.

Il concetto di think tank proviene dall’inglese e significa “serbatoio di pensiero”. I think tank sono alla ricerca di idee su come plasmare il mondo che verrà, si occupano di nuove tendenze ed offrono  spunti di riflessioni sui temi della politica, dell’economia e della società civile.  

Mappa dei Think Tank in Italia (Fonte: KAS Roma)

In Italia la cultura dei think tank è largamente diffusa e questo Paese sta acquistando una posizione sempre più rilevante nel panorama mondiale dei think tank.  Secondo i dati riportati nel Global Go Thinktank Report del 2011, il numero dei think tank in Italia è in crescita costante dal 2006, parallelamente all’aumento in atto anche a livello globale. L´Italia è all`undicesimo posto per numero di think tank su scala mondiale, mentre è quarta a livello europeo , dopo il Regno Unito, laGermania e la Francia.

Se interpretiamo il termine in senso ampio, in modo da includere anche le fondazioni e le associazioni con una „funzione di pensiero“, possiamo affermare che attualmente, i think tank attivi in Italia sono 90.  A livello territoriale, gran parte dei think tank ha sede a Roma, Torino, Milano e Venezia. Nelle regioni del Sud Italia, al contrario, i think tank risultano praticamente assenti. Il successo dei think tank in Italia si fonda in buona parte sulle difficoltà di comunicazione esistenti tra i partiti e la popolazione. Per tale ragione non c`è da stupirsi dell’esistenza di un numero piuttosto alto di associazioni con matrice politica assimilabili al concetto di think tank.

Spesso tali associazioni ruotano attorno a personaggi di spicco di un partito, oppure sono fondate da rappresentatidelmondo politico, e non sono paragonabili alle fondazioni politiche inGermania. Oltre ai think tank a sfondo politico, esistono anche una serie di piattaforme della conoscenza nell’ambito delle università, come ad esempio il Centre for Economic and International Studies (CEIS) dell’Università di Tor Vergata di Roma.

Una particolarità deltutto italiana è costituita dai think tank di stampo cristiano, come ad esempio il Centro Toqueville-Acton, legato all’ideologia cattolico-liberale e molto ben inserito nella rete. Tra i think tank privi di un particolare orientamento politico o religioso rientrano l`Aspen-Institut, l’ Istituto Bruno Leoni, e l’Istituto Affari Internazionali (IAI). Accanto queste note istituzioni, un importante contributo è offerto da think tank „minori“, molto giovani e vivaci, come l’ OSECOH-Farm o Think!Innovation.

Gli ambiti di interesse di tali organizzazioni sono molto variegati, e al centro di essi si trovano strategie di ricerca che abbracciano contemporaneamente temi di tipo economico, socio-politico e tecnologico, come ad esempio quelli della cittadinanza attiva, della democrazia partecipativa, dell’integrazione europea, delle riforme strutturali, della competitività tecnologica e digitale, nonché delle strategie di promozione economica e di promozione della crescita.

Il contributo è stato realizzato da Cäcilia Schallwig, Coordinatrice di progetto nell uffico estero della Fondazione Konrad Adenauer in Italia.

[important]

Negli ultimi anni, il panorama dei think tank in Italia ha continuato ad espandersi. I „serbatori di pensiero” sono al contempo magazzini del sapere e fonti di idee progressiste. Nell’mbito della nostra nuova serie „Monitor di think tank – i think tank italiani” vogliamo seguire il lavoro che essi svolgono in Italia, e riportare regolarmente in questa sede le nuove iniziative, gli spunti di riflessione e i contributi che offrono.

[/important]

 

Teilen.

Eine Antwort hinterlassen